La Maturazione dei Vini

Il grande lavoro di ristrutturazione dei vigneti e di conversione varietale sta ancora proseguendo ma già le prime bottiglie ci consentono di misurare i risultati e di definire la vocazione dei terreni. Questi versanti occidentali delle Langhe hanno la capacità ,tramite la marna di Murazzano che costituisce i loro terreni , di dare un notevole carico antocianico ,di dare insomma molto colore. Nel tempo andremo a precisare meglio areali differenti anche con l’aiuto di un geologo e di un climatologo ma già fin d’ora l’esperienza enologica è molto interessante. Le prime bottiglie di Langhe nebbiolo portano ormai da data del 2016 e la maturazione si sta rivelando davvero ottima, equilibrata e piacevole. Dal punto di vista della potenza siamo ai vertici e la lieve nota “erbacea” iniziale si dissolve con l’eterificazione per dare il meglio in 3-5 anni. Dovremo ancora verificare la tenuta nel lungo periodo per una valutazione davvero complessiva.Abbiamo anche una prima esperienza sul vitigno Barbera che si sta dimostrando molto piacevole contraddicendo il pregiudizio che non fosse adatto a quelle zone. Purtroppo nei tempi in cui il dolcetto era incontrastato al vitigno barbera venivano riservate zone marginali e secondarie non consentendogli di esprimere magnifiche doti in fragranza e frutto.In realtà abbiamo ancora una volta visto che dopo il terreno è la tipologia di cultivar ,il cosiddetto clone con il suo portainnesto ,a rappresentare un punto fondamentale nella costruzione del vigneto. Così è avvenuto che nella riduzione della superficie a Dolcetto abbiamo sacrificato vigneti vecchi ma qualitativamente non eccellenti per conservare invece una vigna più giovane ma costante nella sua grande espressione produttiva. È circa un ettaro e ci dà il Dogliani superiore ,anch’esso ricco di colore,che viene esibito sul mercato solo alla fine dell’anno successivo la produzione.In realtà la Storia più lunga sembrerebbe averla l’ALTA LANGA docg visto che l’invecchiamento in bottiglia minimo dura tre anni dal momento del “tirage”. La nostra produzione è da solo Pinot Nero ma dal prossimo anno entra in produzione anche una vigna di Chardonnay e si potrà confermare il monovitigno o fare scelte diverse. L’avvio della spumantizzazione è avvenuto solo con l’annata 2.019 in conto lavorazione presso una azienda specializzata immagazzinando poi a Garino le bottiglie in riposo. La conferma dei risultati e la prima esibizione sul mercato sarà solo nel 2.022Si vedrà in futuro se vinificare delle basi per avere Langhe Chardonnay come vino bianco e/o anche Langhe Pinot nero come vino rosso ma è invece certo che avremo ogni anno una partita di Langhe Riesling. Vitigno non autoctono si esprime bene sulle colline alte e vicine all’arco alpino e rappresenta una alterntiva ad altri bianchi recentemente affermatisi. Ha la possibilità di un buon invecchiamento non inferiore a quello del Nebbiolo e quindi potrà rappresentare l’originalità dei territori su cui stiamo operando.La qualità che stiamo faticosamente e meticolosamente facendo emergere ci impone di non avere fretta ,ci consiglia di predisporre subito un adeguato magazzino per fare in modo che le bottiglie siano vendute nel loro miglior momento e ci conferma che la potenzialità delle colline occidentali è interessante ed ancora in parte da scoprire.Dopo secoli in cui quelle aree hanno servito con le uve di dolcetto il consumo locale della pianura è ormai venuto il momento di trovare uno spazio nel mondo di quei vini che venivano un tempo detti “vini di lusso” o meglio ancora “ vini fini”. Potremmo parlare anche di “vini da esportazione”se non fosse che fortunatamente anche a livello locale l’interesse per la varietà e la curiosità del bere si è affermato. Sinceramente dispiace aver dovuto tralasciare la produzione di quei vinelli fruttati , freschi, leggeri ottenuti con uve dolcetto ma dovendo darsi una linea coerente abbiamo conservato la tipologia più espressiva e longeva.Abbiamo definito Tenuta Garino la Nuova Frontiera delle Langhe occidentali: quanto abbiamo detto lo conferma.

Tenuta garino

La passione è il motore di ogni impresa

Altri Posts
I Vini